XI° Edizione HANDImatica 2017

Dal 30 novembre al 2 dicembre a Bologna si terrà la XI° Edizione di HANDImatica 2017 - Inclusione scolastica, inclusione lavorativa, inclusione sociale.

La mostra-convegno nazionale a cadenza biennale dedicata alle tecnologie digitali per una società inclusiva, è stata ideata e viene realizzata dalla Fondazione ASPHI Onlus.

HANDImatica è rivolta a tutti i portatori di interesse del mondo della scuola, del lavoro, a istituzioni, Università, Aziende, operatori sociali e della riabilitazione, psicologi, pedagogisti, persone con tutte le tipologie di disabilità e le loro famiglie.

Si terrà presso l’Istituto Scolastico Aldini Valeriani- Sirani (http://www.iav.it/home) ( via Bassanelli 9, Bologna) giovedì 30 novembre, venerdì 1 e sabato 2 dicembre 2017.

 

Informazioni:

Sito HANDImatica

Attenzione ai diritti delle donne con disabilità in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne

In occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne del 25 novembre, la Fish richiama l’attenzione sui diritti delle donne con disabilità e sul rischio di discriminazione multipla che possono subire come donne, in quanto condividono la mancanza di pari opportunità che prevale nella nostra società, e come persone con disabilità, in quanto soffrono di restrizioni e limiti alla partecipazione sociale.

La Fish rilancia inoltre il secondo Manifesto sui diritti delle donne e delle ragazze con disabilità nell’Unione Europea, adottato a Budapest il 28-29 maggio 2011 dall’Assemblea Generale del Forum Europeo sulla Disabilità (Edf), ratificato ufficialmente anche dalla Fish nella sua traduzione italiana.

 

Fonte: Redattore Sociale (www.redattoresociale.it)

Gli ausili per la comunicazione aumentativa alternativa: dalle tabelle cartacee alle nuove tecnologie

Mercoledì 22 novembre 2017 dalle 16.00 alle 19.00 presso il Centro PA Ancona - via Della Stazione (Ex Via Aspio Terme) - Camerano (AN) si terrà un incontro dal titolo Gli ausili per la comunicazione aumentativa alternativa: dalle tabelle cartacee alle nuove tecnologie. L'incontro, condotto dalla Dott.ssa Cristina Sassi, fa parte degli  "Aperitivi Formativi" organizzati da Progettiamo Autonomia nella sede di Camerano (AN).

Il recentissimo inserimento dei dispositivi di Assistive Technology nel nuovo Nomenclatore Tariffario rende il tema degli ausili per la CAA (Comunicazione Aumentativa Alternativa) estremamente attuale: è importante condividere e diffondere conoscenze che favoriscano un approccio consapevole ed informato a questi ausili tecnologici.

Verranno quindi esplorati gli ausili low tech ed high tech in un continuum che, partendo dalle tabelle cartacee e dall'uso di PECS, passa attraverso i VOCAs ed i tablet per arrivare alla comunicazione tramite puntamento oculare, seguendo come traccia i nuovi codici del Nomenclatore.

Obiettivi: 
Obiettivo dell'incontro è fornire ai partecipanti le informazioni necessarie per orientarsi tra diverse categorie di ausili per la comunicazione, in relazione alle caratteristiche dell'utente ed alle risorse disponibili per avvalersi dell'apporto delle nuove tecnologie.

 

Incontro gratuito con prenotazione obbligatoria.



Per informazioni ed iscrizione:

pagina dedicata del sito Leonardo Ausili

 

Avviso del MIUR per il potenziamento delle azioni di supporto al processo di inclusione degli alunni e degli studenti con disabilità e DSA

Il MIUR ha indetto un avviso "rivolto alle scuole o reti di scuole, di cui alla legge 13 luglio 2015, n. 107, alle scuole polo per l’inclusione di cui al decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 66, ai CTS – Centri Territoriali di Supporto e ai CTI Centri territoriali per l’inclusione non coincidenti con le scuole polo per l’inclusione […] finalizzato al potenziamento delle azioni di supporto al processo di inclusione degli alunni e degli studenti con disabilità certificata, ai sensi della legge 5 febbraio 1992, n. 104, e con diagnosi di disturbo specifico dell’apprendimento, ai sensi della legge 8 ottobre 2010, n. 170, mediante la documentazione, la condivisione e la diffusione di metodologie, buone prassi, materiale informativo e formativo nel Portale Nazionale per l’inclusione scolastica".

 

 

Avviso MIUR

Progetto "Vita indipendente": la Regione Marche si impegna ad incrementare le risorse

"Con l'impegno ufficialmente assunto dalla Giunta di raddoppiare la disponibilità complessiva della dotazione economica regionale a favore del progetto "Vita indipendente", la Regione Marche conferma la propria massima attenzione rispetto al sostegno della disabilità e in particolare per il diritto all'assistenza autogestita". Sono le parole del presidente della Regione Marche Luca Cerisicioli, il quale ribadisce gli impegni assunti, sottolineando che l'obiettivo è quello di una ulteriore implementazione che potrà ragionevolmente arrivare fino ai due milioni di euro, compatibilmente con le disponibilità proprie e con quelle di provenienza statale.

Anche ieri, durante l'incontro con il comitato "Vita indipendente", è stato espresso con chiarezza l'impegno a sostenere e ad implementare questo progetto, attivo nelle Marche da quasi dieci anni, che coinvolge 72 persone, con continuità di servizio e senza interruzione alcuna. Su questo fronte sono attualmente investiti 600 mila euro all'anno, a cui sono già stati aggiunti ulteriori 95 mila euro a partire dal 2018, con la possibilità concreta e l'impegno di raddoppiare questa somma nel corso dello stesso anno. Questa programmazione permetterà quindi di allargare nel giro di pochi mesi la platea dei beneficiari, sulla base di criteri che saranno condivisi tra Regione, Consulta regionale sulla disabilità e con lo stesso comitato Vita Indipendente.

A fronte di questa situazione e all'interno di un bilancio regionale che alla disabilità dedica oltre il 50 per cento delle disponibilità complessive per le Politiche sociali (circa 31 milioni all'anno su 60 milioni complessivi), è stato assunto anche l'impegno di approvare la proposta di legge regionale per la vita indipendente e di trasferire i fondi direttamente alle famiglie senza passare per la mediazione dei Comuni.

Per gestire la fase transitoria tra la vecchia progettualità e l'avvio della nuova legge, per non interrompere i progetti già attivi, sarà a breve approvata una delibera di Giunta regionale.

"L'impegno regionale a implementare le risorse e a rendere sempre più strutturale il finanziamento – conclude Ceriscioli – è una ulteriore dimostrazione della volontà dimostrata, non solo a parole, di dare sempre più attenzione alle famiglie con a carico un disabile. Una ulteriore prova di volontà verso un settore per il quale la regione negli ultimi due anni ha investito tanto e intende investire ancora di più".

 

Fonte: Comunicato stampa della Regione Marche del 09/11/2017.

 

 

Comunicato stampa sito Regione Marche

Informazioni aggiuntive