La Regione Marche destina oltre sei milioni di euro per il 2017 alle persone in condizione di disabilità gravissima

La Giunta, nel corso dell’ultima seduta, ha trasmesso al Cal i criteri attuativi degli interventi a favore delle disabilità gravissime per il 2017. Lo stanziamento per l’avvio dell’ intervento ammonta per ora a 2.796.000 euro a cui verrà aggiunta la quota che sarà trasferita in autunno dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per il Fondo Nazionale non Autosufficienze 2017 con la quale si raggiungerà l’importo già garantito nell’anno 2016 di circa quattro milioni di euro. La finalità è quella di rafforzare sul territorio regionale la presa in carico della persona non autosufficiente attraverso un piano personalizzato di assistenza, che integri le diverse componenti sanitaria, sociosanitaria e sociale per assicurare continuità assistenziale. Anche per quest’anno i beneficiari sono le “persone in condizione di disabilità gravissima”, che hanno ’indennità di accompagnamento’ o definite non autosufficienti. Il beneficio non viene esteso agli ospiti di strutture residenziali, mentre è alternativo al progetto “Vita Indipendente” e all’intervento “Riconoscimento del lavoro di cura dei caregiver attraverso l’incremento del contributo alle famiglie per l’assistenza a persone affette da Sclerosi Laterale Amiotrofica” e alla misura di “Assegno di cura” rivolto agli anziani non autosufficienti.

Nella stessa seduta, la Giunta ha stanziato un ulteriore milione di euro quale misura integrativa straordinaria a sostegno delle persone disabili beneficiari nel 2015 dell’intervento di “Assistenza Domiciliare Indiretta” rimaste escluse dai benefici rivolti alle persone in condizione di disabilità gravissime per effetto dell’applicazione delle schede di valutazione ministeriali. La nuova procedura ministeriale aveva infatti costretto la Regione lo scorso anno ad abbandonare la precedente progettualità regionale denominata “Assistenza Domiciliare Indiretta al disabile in situazione di particolare gravità - ADI” e comportato la valutazione dei nuovi utenti ma anche la rivalutazione degli utenti già beneficiari negli anni precedenti dell’intervento regionale con il rischio per quest’ultimi di rimanere senza un sostegno economico.

Azioni anche a favore degli alunni con disabilità sensoriale. La Giunta ha definito criteri per l’attuazione degli interventi e per il riparto delle risorse da trasferire agli Ambiti Territoriali Sociali per l’anno scolastico 2017/2018. Per l’atto è stato richiesto parere alla Commissione assembleare competente e al Consiglio delle Autonomie Locali. Il Servizio Politiche Sociali e Sport, in via del tutto eccezionale e transitoria, nel corso dell’anno scolastico 2016/2017 aveva gestito direttamente gli interventi a favore della disabilità sensoriale. Con il nuovo anno scolastico la gestione passa agli Ambiti Territoriali Sociali. Per la realizzazione degli interventi rivolti agli alunni sensoriali quali l’assistenza all’autonomia e alla comunicazione, i sussidi e supporti all’autonomia, l’adattamento dei testi scolastici e la frequenza di scuole o corsi presso istituti specializzati, gli Ambiti Territoriali Sociali potranno disporre di uno stanziamento pari a 1.373.260,12 euro. Nella definizione dei criteri si è tenuto conto di un giusto equilibrio tra la “libertà di scelta dell’operatore” in capo alle famiglie fortemente voluta dalle associazioni di rappresentanza UIC ed ENS, la “tutela del lavoro” attraverso l’obbligo di regolari contratti e la “garanzia della qualità dei servizi” prevedendo la definizione del profilo professionale, i percorsi formativi e l’istituzione dell’elenco dell’Assistente all’autonomia e alla comunicazione.

 

Tratto dal Comunicato stampa della Regione Marche - Sociale.

Informazioni aggiuntive