Approvato dal Senato il Disegno di Legge sul riconoscimento della Lingua dei Segni Italiana

Il 3 ottobre 2017 è stato approvato dal Senato il Disegno di Legge sul riconoscimento della Lingua dei Segni Italiana denominato Ddl n. 302 - “Legge quadro sui diritti di cittadinanza delle persone sorde, con disabilità uditiva in genere e sordocieche”.

Il Ddl è composto da 14 articoli che riconoscono la Lingua Italiana dei Segni (LIS) e definiscono i diritti e la rimozione delle barriere comunicative in ambito politico, formativo, lavorativo. Più in particolare: riconoscono e tutelano i diritti delle persone sorde e la libertà di scelta sulle modalità di comunicazione e i percorsi formativi; promuovono l'inclusione scolastica e lavorativa delle persone sorde; la prevenzione, l'identificazione precoce, la cura della sordità e della sordocecità; i servizi di interpretariato della lingua italiana dei segni; favoriscono l'accesso all'informazione, agli spazi pubblici e privati, ai rapporti con la pubblica amministrazione, al patrimonio storico, artistico, culturale; istituiscono l'osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità; prevedono il monitoraggio sull'attuazione della legge e la clausola di invarianza finanziaria.

Ora il testo passa alla Camera.

 

Ddl n. 302 “Legge quadro sui diritti di cittadinanza delle persone sorde, con disabilità uditiva in genere e sordocieche”

Informazioni aggiuntive